segreteria@arcobaleno85.com chiama

CENTRO DI RIABILITAZIONE POLIVALENTE A ROMA

Lussazione congenita dell'anca

La displasia congenita dell'anca DCA, conosciuta anche come lussazione congenita dell’anca, è uno sviluppo anormale dell’articolazione che porta gradualmente la testa del femore a dislocarsi dalla sua sede, cioè dalla cavità acetabolare, la conca che normalmente forma con il femore l’articolazione dell’anca.

Le cause sono molto probabilmente di tipo genetico, ereditario, unito a fattori ambientali, vale a dire fattori che portano ad un posizionamento errato delle anche in utero.

Ha una prevalenza nel sesso femminile, ed è diagnosticabile precocemente con una semplice ecografia delle anche da effettuare di routine entro il 3° mese di vita così da permetterne poi un efficace trattamento.

Per questo problema sarà la terapista specializzata nel trattamento dei disturbi dell’infanzia la figura idonea a cui rivolgersi.  

La fisioterapia ha l’obiettivo di accompagnare il bambino nella acquisizione delle funzioni motorie tenendo conto del problema ortopedico e della necessità di un corretto posizionamento e di un riequilibrio muscolare.

Le tecniche più idonee da utilizzare sono:
 
  • Metodo Bobath
  • Metodo Vojta
  • Trattamento neuro-muscolare
  • Stimolazioni percettive
 
Il bambino, anche se parzialmente immobilizzato da un tutore che mantiene le gambe aperte, potrà fare degli esercizi per tonificare i muscoli del bacino, della schiena e degli arti inferiori, e dovrà essere ben posizionato durante le attività del giorno e durante il sonno.

Sarà sempre compito del fisioterapista istruire i genitori sul comportamento da adottare anche a casa, anche per rendere più facile e sostenibile dal bambino il percorso di cura.


Per avere maggiori informazioni clicca qui.