segreteria@arcobaleno85.com chiama

CENTRO DI RIABILITAZIONE POLIVALENTE A ROMA

Paralisi cerebrale infantile

La paralisi cerebrale infantile è la malattia neuromotoria più frequente in età pediatrica, è causata da un danno irreversibile ma non progressivo del sistema nervoso centrale dovuto a cause differenti.
 
Questa patologia, che presenta molti aspetti, si ripercuote soprattutto sul sistema muscolare, rendendo difficoltoso per il bambino stare seduto, andare a quattro zampe, mettersi in piedi e camminare, ma anche afferrare oggetti o mangiare.
 
Alcune delle difficoltà associate a questa patologia sono:
  • Ritardo mentale
  • Difficoltà a parlare
  • Menomazioni visive
  • Disturbi del comportamento
  • Epilessia
  • Difficoltà di deglutizione
 
Esistono varie forme di paralisi cerebrale infantile, differenziate dal tono muscolare:
 
  • Spasticità
  • Discinesia
  • Atassia
  • Forma mista
 
dalla gravità  e dalle parti del corpo coinvolte:
 
  • Tetraplegia
  • Diplegia
  • Emiplegia
 
ma in tutti i casi l'approccio terapeutico più corretto deve essere sempre multidisciplinare ed avere come obiettivo quello di rendere il bambino più indipendente possibile.
 
Il lavoro sinergico del terapista della neuropsicomotricita dell'età evolutiva, del fisioterapista specializzato in età evolutiva, del logopedista, del terapista occupazionale, del neuropsichiatra infantile, del chirurgo specializzato, dei genitori e degli operatori scolastici, ha come  obiettivo far sviluppare al bambino tutte le capacità possibili, tenendo conto del problema esistente, per migliorare la qualità di vita del bambino e della sua famiglia.
 
Esistono molte tecniche terapeutiche per trattare questa complessa patologia:
 
  • Metodo Bobath
  • Metodo Vojta
  • Metodo Perfetti
 
l'importante è usare lo strumento tecnico giusto, per quel bambino che è diverso da tutti gli altri.


Contattataci per approfondire nel dettaglio l'argomento.